C’è una zona di 130 km quadrati in cui puoi uccidere in totale impurità

Postato a by admin
Categoria
420

Nel suo articolo Kalt offre maggiori dettagli sulle circostanze in cui sarebbe possibile farla franca in quella che è ormai conosciuta come la “Zone of Death”. Anzitutto, il reato dovrebbe essere così serio da richiedere una giuria, dato che i reati meno gravi sarebbero puniti con multe o brevi detenzioni. Dovrebbe avvenire dall’inizio alla fine nel parco (se fosse stato pianificato da un’altra parte, l’imputato potrebbe essere accusato di “cospirazione ai fini di omicidio” in un altro distretto). E anche in quel caso, l’imputato potrebbe essere sottoposto a procedimenti civili, se per esempio venisse denunciato da un parente della vittima. E infine, le possibilità di compiere un crimine in una zona disabitata e remota non sono moltissime—non c’è nemmeno una strada che la connetta al resto di Yellowstone.

“Tutti questi fattori disincentivano,” ammette Kalt. “È difficile immaginare che qualcuno si basi sulla mia teoria e pensi di scamparla.”

Comunque, Kalt resta preoccupato e aspetta di vedere cosa farà il Congresso. “Sono meno preoccupato degli ostacoli che delle possibili conseguenze,” mi ha detto. “Non penso che sia probabile che succeda qualcosa, ma se succedesse sarebbe una situazione complessa. Se il Congresso volesse davvero sistemare le cose, non ci vorrebbe molto. Il problema non è che è difficile, è che a loro non interessa.”

Il Congresso non sembra d’accordo. L’ufficio stampa del senatore del Wyoming Michael Enzi mi ha riferito che “Il senatore Enzi ha analizzato il problema, e non sembra esserci una via d’uscita giuridica semplice.” Il senatore dell’Idaho Jim Risch mi ha detto che è tutta una disputa “da fantascienza” e ha insistito sul fatto che sarebbe nella giurisdizione dello stato dell’Idaho. “È tutto molto romantico e di sicuro ne può uscire buona narrativa,” ha detto, “ma gli stati hanno una giurisdizione.” (Lo statuto, però, pone Yellowstone chiaramente “sotto l’unica ed esclusiva giurisdizione degli Stati Uniti.”)

L’ARTICOLO CONTINUA NELLA PAGINA SEGUENTE

Pages: 1 2 3 4 5
Info sull'Autore