Ecco il drone anti-squalo: Little Ripper Lifesaver

Postato a by Alessio Scalzo

heli2

 

All’apparenza sembrare l’opera di un appassionato di modellismo, ma in realtà è ben altro: un drone di risposta alle emergenze.
Questo veicolo aereo, che vola senza equipaggio, è in fase di sperimentazione sulle spiagge del Nuovo Galles del Sud, una regione dell’Australia.

L’elicottero, soprannominato Little Ripper Lifesaver, pattuglierà la costa trasferendo immagini alla centrale, al fine di allertare bagnini e mezzi di soccorso in tempo in caso di presenza di squali in acqua. Il drone, che ha un peso di 25 kg, ha iniziato la sua attività e per i prossimi sei mesi verrà testato sul campo.

Tony Haven, presidente del Surf Lifesaving New South Wales, si è dimostrato disponibile nei confronti di questa novità tecnologica ed ha dichiarato: «Se si dimostrerà utile e in grado di aiutarci a individuare gli squali, ma anche bagnanti in pericolo e marinai in difficoltà. Potrebbe essere davvero la svolta».

 

Come funziona?

Un pilota e un operatore controllano il drone dalla terra e vedono tutto ciò che vede lui: la telecamera a bordo del velivolo ha la capacità di individuare gli squali molto superiore a quella dell’occhio umano.
Il drone è in grado di aiutare le persone in difficoltà fino all’arrivo dei soccorritori, facendo scivolare fuori una piccola custodia con all’interno qualche attrezzo utile per la sopravvivenza.

Eddie Bennet, CEO di Little Ripper Lifesaver, ha spiegato meglio il suo funzionamento: «Si gonfia automaticamente e lo possono tenere due o tre persone, è resistente. All’interno c’è un dispositivo con un deterrente elettromagnetico per squali ad alta intensità di illuminazione, che ha anche un segnale di soccorso. Quindi c‘è tutto ciò che è necessario per un aiuto extra finché qualcuno non arriva a salvarti. Sono sicuro che saremo in grado di fornire un grande prodotto, perché la tecnologia c‘è, e ci sono anche professionalità e supporto».

Il primo esemplare di Little Ripper Lifesaver ha iniziato a pattugliare le spiagge, ma in futuro il suo ruolo non sarà confinato alla linea di costa: è previsto che il drone venga usato anche per la ricerca e il salvataggio di persone nella boscaglia e nella neve.

 

Info sull'Autore
Alessio Scalzo

Nato nella terra di Pirandello e Sciascia, vivo e lavoro a Milano da un bel po' di tempo ormai. Leggo un po' di tutto e seguo con interesse le evoluzioni del mondo e dell'editoria.