Gonfiori e digestione lenta dopo latticini e pasta. L’esperto spiega perché: “Dovete controllare sempre se contengono la

Postato a by admin
Categoria
29914

schermata-2016-12-29-alle-17-11-34

È importante conoscere effetti del cibo sul nostro corpo e sulla nostra salute.
La pasta, i prodotti da forno e i latticini contengono la furosina, una molecola inquinante, che danneggia i villi intestinali

LA FUROSINA COSA E’ ?
La furosina è una molecola presente nella pastasciutta, nei prodotti da forno, in particolare nella mozzarella, caffè e in molti altri alimenti. Essa si forma in una alimento per una reazione tra glucosio e un aminoacido. Una volta formata è abbastanza stabile nel tempo.
E’ aggressiva sui villi intestinali, assorbita nell’intestino tenue, entra nel sangue, non può essere bloccata, si diffonde nel tessuto connettivo presente in ogni organo per connettere le cellule tra loro.
Destruttura il collagene e il tessuto connettivo compromettendo la nutrizione e la ossigenazione delle cellule. Può essere eliminata solo attraverso il rene. Insomma è una molecola inquinante.

LATTE E FUROSINA
Più il latte è esposto ad elevate temperature e più furosina si forma. E’ preferibile un latte pastorizzato ad un latte UHT, che contiene dosi più elevate di furosina. Il latte in polvere ha un elevato contenuto in furosina. Tutti gli alimenti ottenuti da latte in polvere sono ricchi in furosina. Il latte in polvere ha un costo inferiore al latte fresco.
La furosina è una molecola utilizzata comunemente come indicatore per valutare gli effetti dei trattamenti termici applicati al latte o l’aggiunta di latte in polvere o UHT al latte crudo o pastorizzato.
La furosina (ε-furoilmetil-lisina) è una molecola normalmente ASSENTE nel latte crudo e PRESENTE invece nei prodotti lattiero-caseari trasformati.
Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali con il decreto del 15 dicembre 2000 ha fissato i limiti massimi della molecola nei formaggi freschi a pasta filata e nel latte (crudo e pastorizzato).

MOZZARELLA FREE FUROSINA
Il valore massimo di furosina nel formaggio mozzarella e negli altri formaggi freschi a pasta filata prodotti da latte vaccino e/o bufalino, è fissato in 12 milligrammi su 100 grammi di sostanza proteica; per la mozzarella con attestazione di specificità il limite è di 10 milligrammi su 100 grammi di sostanza proteica, come stabilito dal regolamento 2527/98/CE.
Queste normative sono rigide perché la presenza di furosina nei formaggi a pasta filata riveste una notevole importanza poiché è tecnicamente POSSIBILE ottenere mozzarella ed altri formaggi freschi a pasta filata da materie prime quali latte in polvere, caseine e caseinati, derivati essiccati di origine lattiera, formaggi fusi e prodotti caseari di diversa origine, compromettendone genuinità e qualità, e costituendo una frode a danno dei consumatori.
Ed ora passiamo a vedere la presenza di furosina nella pasta asciutta.

GLUTINE – FUROSINA – AMIDO RESISTENTE NELLA PASTA
La pasta e i prodotti composti con farina di frumento ottenuto da grani varietà moderna possono contenere furosina.
La furosina ((ε-furoilmetil-lisina) è una molecola che si forma durante la produzione della pasta alimentare. Deriva dalla unione tra una molecola di glucosio e un gruppo aminico delle proteine contenute nelle farine. E’ una molecola non naturale che appartiene a molecole glicate denominate AGEs (Advanced Glycation Endproducts). I composti AGEs si sviluppano durante la esposizione degli alimenti al calore. Non sono presenti negli alimenti crudi, non esposti ad alte temperature di cottura. Limitare gli alimenti cotti.
Questi AGEs, tra cui la furosina contenuta nella pasta, introdotti con il cibo, possono aggredire i villi intestinali, alterando la loro integrità strutturale e funzionale con il risultato di compromettere la digestione intestinale.
Gli AGEs sono assorbiti e passano nel sangue per arrivare nella matrice extra cellulare dei organi, nel tessuto connettivo che “connette “ le cellule tra loro.
La presenza di AGEs nella matrice extra cellulare genera una destrutturazione del connettivo creando seri problemi nella nutrizione delle nostre cellule, che degenerano !
La furosina si forma nella fase terminale della lavorazione della pasta asciutta, quando la percentuale di acqua scende fino al 12%. Cioè la netta perdita di acqua , appunto pasta asciutta, è causa di formazione di furosina. Il ciclo di essiccamento con alte temperature e bassi valori di umidità del prodotto è la causa principale di formazione di furosina.

PASTA FREE FUROSINA / AGEs
Da indagini eseguite in campioni di pasta secca di semola di grano duro, prodotti sia da grandi aziende (campioni “industriali”) che da piccoli pastifici, definiti “artigianali” in base alla loro capacità produttiva, l’INDICE DI FUROSINA è risultato superiore a 300 mg / 100 g proteine per quasi tutte le paste industriali, così come, sorprendentemente, in alcune paste artigianali.
Dosi non accettabili per la salute!
Si può ottenere una PASTA FREE FUROSINA / AGEs, modificando le attuale fasi di lavorazione tecnologica e assicurando una maggiore attenzione nella scelta delle semole e grani duri.
Scegliendo materia prima di qualità e passaggi tecnologici migliori si può contenere / eliminare la formazione di FUROSINA, di AGEs negli alimenti.
L’esperto prof Pier Luigi Rossi consiglia pasta fresca, ricca di acqua, alimenti crudi quando possibile, e non più di due volte alla settimana la pasta asciutta, verificando la tecnologia e il valore delle proteine in essa contenute.

Info sull'Autore